WWF Italia

Allarme della Nasa: a settembre nuovo record dello scioglimento dei ghiacci marini artici

 

I primi dieci giorni di settembre 2016 hanno fatto registrare un record negativo per quanto riguarda lo scioglimento dei ghiacci marini artici causato dai cambiamenti climatici. I satelliti della Nasa hanno appurato che la superficie dei ghiacci artici ha raggiunto la seconda estensione più ridotta dal 1981 (4,14 milioni di chilometri quadrati contro i 3,39 del 2012). In questo caso, però, ciò che davvero preoccupa è la velocità con cui il ghiaccio si sta sciogliendo: nei primi giorni del mese si sono sciolti ogni giorno 34.100 chilometri quadrati di ghiaccio, contro la media di 21mila registrata nel periodo 1981-2010.

Gli effetti dei cambiamenti climatici stanno mettendo in pericolo la sopravvivenza stessa dei ghiacciai marini, che non solo sono fondamentali per la sopravvivenza degli ecosistemi artici e delle specie che in essi vivono, ma svolgono un ruolo imprescindibile anche nella regolazione della temperatura globale e nell’influenzare la circolazione atmosferica e oceanica.

Per saperne di più guarda il video e leggi l’articolo diffusi dalla Nasa.

 

Post Simili

Il WWF parte civile nel processo sulla centrale a carbone ENEL “Federico II” di Cerano (BR)

Il WWF oggi è in aula con il proprio avvocato, Antonio Caiulo, presso il Tribunale di Brindisi per costituirsi parte civile nel processo sulla centrale […]

Bene la chiusura del Gruppo 2 a carbone della centrale Federico II

Nel 2021 chiuderà il Gruppo 2 a carbone della Centrale Federico II di Brindisi, l’auspicio è che questo sia solo l’inizio e che ENEL acceleri […]

Lascia un Commento