WWF Italia

Anche la Banca Europea per gli Investimenti fugge dal carbone

Thomas Haugersveen / WWF-Norway 
Thomas Haugersveen / WWF-Norway

Centrale a carbone

Il WWF esprime un primo cauto apprezzamento per la decisione della Banca europea per gli investimenti (BEI) [1], il più grande istituto finanziario pubblico del mondo, di adottare misure che, se attuate correttamente [2], dovrebbero eliminare gradualmente il suo sostegno a centrali a carbone e lignite.
 
Dopo la storica decisione della Banca Mondiale di limitare i finanziamenti per le centrali elettriche a carbone “solo in rare circostanze”, la BEI ne ha seguito l’esempio. 
Per il WWF è giunto il momento per le altre istituzioni finanziarie di fare lo stesso e portare il mondo verso le fonti di energia sostenibile.  Su questo il WWF ha promosso una campagna globale “Ci tieni al futuro? Riprenditi l’energia! (Seize Your Power) per dare voce ai cittadini e chiedere alle istituzioni finanziarie e ai governi del mondo di agire immediatamente investendo nell’energia rinnovabile e nell’efficienza energetica; l’appello si può firmare su www.wwf.it/riprenditilenergia . 
 
Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF Italia ha dichiarato “La decisione della BEI è un primo passo importante, ma deve essere fatto di più. Per avere una seria possibilità di rimanere entro il limite dei 2°C di riscaldamento globale, la BEI dovrebbe rafforzare i suoi standard ed eliminare gradualmente il supporto per tutte le centrali alimentate con i combustibili fossili. Il carbone è il più sporco tra tutti i combustibili fossili, provoca inquinamento ambientale a livello locale, incidendo sulla salute delle persone, e contribuisce  pesantemente al cambiamento climatico. E’ giunto il momento per tutte le istituzioni finanziarie internazionali, e in particolare la Banca Europea per la ricostruzione e lo sviluppo [3], di seguire l’esempio della BEI.”
Prosegue Midulla “La Commissione Europea è ora impegnata a fare proposte per lo European Climate and Policy Framework. Accanto a obiettivi vincolanti per i gas a effetto serra, le energie rinnovabili e il risparmio energetico, la Commissione dovrebbe seguire l’approccio della BEI e garantire che non si vada indietro invece che in avanti, proponendo standard per le emissioni di gas serra di tutti gli impianti nella UE. “
 
Il WWF invita inoltre la BEI ad abbassare i limiti di emissioni per le centrali elettriche a combustibili fossili che possono essere ammesse al finanziamento nei prossimi anni, premiando solo gli standard migliori. La BEI ha inoltre bisogno di fissare obiettivi di finanziamento misurabili per l’efficienza energetica e il sostegno delle energie rinnovabili, in modo da inviare un segnale chiaro e forte per investitori e industria.
 
[1] La Banca europea per gli investimenti è di gran lunga la banca pubblica più grande al mondo, con investimenti di 12 miliardi di € per il settore energia ogni anno.
 
[2] Ieri sono state introdotte due deroghe al settore  carbone  della BEI. Comunque il consiglio di amministrazione della BEI è tenuto a chiarire queste esenzioni al fine di assicurare una rigorosa attuazione della decisione.
 
[3] il 25 luglio la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS), un’altra grande banca pubblica europea, presenterà la sua nuova strategia energetica ad un evento di kick-off a Londra. Questa strategia è previsto che venga adottata in ottobre.
 
24.7.2013
 

Post Simili

“Hera esca dal carbone di Saline Joniche”, il 5 aprile a Bologna incontro pubblico per dire no al carbone

In Emilia Romagna, associazioni e comitati lanciano l’appello al Gruppo Hera chiedendo l’uscita dell’azienda partecipata dal progetto della centrale a carbone di Saline Joniche in […]

WWF Stop Carbone

Polveri sottili oltre i limiti, avviata procedura d’infrazione per la qualità dell’aria di Brindisi

“Procedura europea di infrazione sulle PM10”, annuncia Peacelink„ L’associazione Peacelink ha diffuso la notizia che la Direzione generale per l’inquinamento della Commissione Europea ha avviato […]

Lascia un Commento