WWF Italia

Autorizzazioni ambientali troppo blande: La diffida delle associazioni ambientaliste

 

I presidenti di WWF Italia, Greenpeace Italia e Legambiente hanno presentato una diffida ai ministeri dell’Ambiente, dello Sviluppo Economico e della Salute. Un documento che disincentiva il rilascio di provvedimenti autorizzativi per l’esercizio dei due gruppi a carbone della centrale di Vado Ligure.

 

In vista del vertice politico che si terrà mercoledì 12 novembre al Ministero dello Sviluppo Economico, gli ambientalisti esortano i decisori politici a non far superare alla centrale di Tirreno Power i limiti emissivi degli inquinanti imposti dalla legge, limiti che servono proprio a tutelare la salute dei cittadini.

 

Ricordiamo che nel marzo scorso, la centrale di Vado Ligure è stata posta sotto sequestro proprio a causa del mancato rispetto delle prescrizioni ambientali ministeriali, oltre che dall’allarmante situazione ambientale e sanitaria evidenziata dalle indagini svolte su incarico della Procura di Savona, i cui risultati non possono assolutamente essere ignorati.

Consulta il testo della diffida

 

Post Simili

Accordo di Parigi: a che punto è l’Italia?

Il Consiglio dei Ministri dell’Ambiente dell’Unione Europea ha approvato la ratifica rapida da parte della UE dell’Accordo di Parigi sul Clima. Dal momento che per entrare […]

Finisce l’era del carbone e dei grandi impianti industriali nelle città

Per oltre 150 anni, nelle città, abbiamo seguito un modello basato sullo sviluppo industriale senza affrontare alcune dicotomie fondamentali: ambiente e lavoro, ricadute sociali e […]

Lascia un Commento