WWF Italia

Buone notizie: sospesa in Polonia la costruzione di una nuova centrale a carbone

WWF Stop Carbone 

L’azienda polacca Energa ha sospeso i suoi piani per la costruzione di una mega-centrale a carbone da 1000 Megawatt (MW) a Ostroleka, nel nord est della Polonia, a causa di problemi relativi al finanziamento di questo progetto. Al contrario, Energa ha annunciato che utilizzerà le proprie risorse economiche per effettuare nuovi investimenti nel campo delle rinnovabili, delle reti di distribuzione e del gas.

Energa è la quarta azienda elettrica del paese e ha pianificato una produzione di energia elettrica totale nel 2020 di 2550 MW, di cui circa il 40% proverrà dal gas, il 35% dalle rinnovabili, il 17% dal carbone e circa l’8% da impianti di cogenerazione. Questo nonostante la Polonia sia il primo estrattore di carbone dell’Unione Europea e il nono a livello mondiale (dati 2010).

Energa spenderà circa 3 miliardi di euro nel prossimo decennio per rinnovare la rete di distribuzione polacca. Secondo Miroslaw Bielinski, amministratore delegato di Energa, “piuttosto che la costruzione di nuove centrali, è primario investire per fare modo che le reti sia in buona condizione”. L’investimento su Ostroleka è stato sospeso a causa di problemi nel reperire finanziamenti, in un momento in cui il settore edile polacco sta soffrendo di una grave crisi.

Diverse aziende energetiche locali si stanno muovendo per rimpiazzare le centrali a carbone che da qui al 2020 verranno chiuse perché troppo vecchie, con un investimento totale stimato di circa 24 miliardi di euro.

19.9.2012 – Riccardo Nigro

 

Post Simili

Chiudere le centrali a carbone per promuovere salute e ambiente: la richiesta di medici e ambientalisti a Savona

E’ il carbone tra tutti i combustibili fossili quello che minaccia di più la nostra salute oltre ad essere la principale minaccia per il clima del […]

WWF Stop Carbone

Brindisi: sversate in mare acque contaminate da carbone

La centrale a carbone ENEL “Federico II” di Brindisi colpisce ancora: come se non bastasse l’inquinamento dell’aria e della terra che impedisce tuttora la coltivazione […]

Lascia un Commento