WWF Italia

Alessandro Lamarmora (BS)

© A2A 

Impianto della A2A è costituito da tre gruppi di cui uno da 70 MW, risalente al 1988, è policombustibile, ossia può essere alimentato a carbone, gas e olio anche in combinazione mista.

 

Post Simili

Chiudere con il carbone per un futuro “green” di La Spezia e della Liguria

Lettera aperta della presidente del WWF Italia Donatella Bianchi agli amministratori e a tutti i soggetti coinvolti “Cosa si sta facendo per chiudere la centrale […]

Centrale di Vado Ligure (SV)

  La centrale di proprietà di Tirreno Power si colloca in pieno centro abitato. Nonostante la forte opposizione delle comunità locali, ben consce dei pericoli […]

Lascia un Commento