WWF Italia

Centrale Andrea Palladio (VE)

© Enricogol 

I quattro gruppi alimentati a carbone bruciano anche una piccola frazione di CDR (Combustibile Derivato dai Rifiuti), oggi probabilmente sostituito dal CSS (Combustibile Solido Secondario, sempre ottenuto dai rifiuti). Il quinto gruppo, in passato alimentato a olio combustibile, è stato definitivamente ritirato nel 2013.

L’impianto è poi stato autorizzato ad incrementare, fino 70.000 t/anno, l’uso di CDR (probabilmente CSS) nelle sezioni 3 e 4, un’opzione che non rappresenta certo un miglioramento ambientale né sul piano delle emissioni né, soprattutto, su quello di un’auspicabile gestione più virtuosa dei rifiuti (riciclo).

L’impianto nel solo 2015 ha emesso 5,78 milioni di tonnellate di CO2, valore sceso a 4,67 Mt nel 2016.

 

Post Simili

Centrale di Saline Joniche (RC)

Si tratta del più grande progetto  di centrale a carbone da costruire ex novo in Italia (1320 MW). L’impianto sarebbe dovuto sorgere in un’area industriale […]

Bene la chiusura del Gruppo 2 a carbone della centrale Federico II

Nel 2021 chiuderà il Gruppo 2 a carbone della Centrale Federico II di Brindisi, l’auspicio è che questo sia solo l’inizio e che ENEL acceleri […]

Lascia un Commento