WWF Italia

Centrale di Brindisi Nord

© Wikipedia 

Si tratta di un vecchio impianto costituito da 4 unità a carbone da 320 MW, costruite tra il 1965 e il 1975. Negli ultimi anni aveva lavorato a metà potenza: dal 2009 le prime due unità sono state messe fuori produzione, e dal 2013 l’impianto è sostanzialmente fermo, sia per il cambio societario sia per la volontà di puntare su un progetto di co-combustione carbone-CSS (Combustibile solido secondario). Questo progetto, sottoposto a VIA ministeriale, non solo è fortemente osteggiato dalla cittadinanza, già gravemente colpita anche dall’altro impianto a carbone presente in città (la Federico II di proprietà Enel), ma ha ricevuto parere negativo sia dalla Regione Puglia che dalla Provincia di Brindisi.

A2A nel 2017 ha iniziato a parlare di una nuova ipotesi progettuale incentrata su rinnovabili e trattamento della frazione organica dei rifiuti, ma per ora è solo un’ipotesi…

Va ricordato come la presenza di depositi di carbone non coperti sia stata causa di gravi fenomeni di inquinamento. L’impianto è stato anche uno di quelli con maggiore responsabilità storica per gli impatti sulla salute a causa delle sue emissioni inquinati, così come ben evidenzia lo studio epidemiologico “Forastiere” concluso nel maggio 2017.

 

Post Simili

Centrale di Saline Joniche (RC)

Si tratta del più grande progetto  di centrale a carbone da costruire ex novo in Italia (1320 MW). L’impianto sarebbe dovuto sorgere in un’area industriale […]

Centrale Fiume Santo (SS)

L’impianto era originariamente costituito da due gruppi da 160 MW costruiti negli anni ’80, alimentati a olio combustibile, e due da 320 MW realizzati nella […]

Lascia un Commento