WWF Italia

Centrale di Civitavecchia (RM)

© Corrado Belfani 

L’attuale impianto è figlio di una riconversione di una centrale a olio combustibile completata nel 2010, e sorge in un’area già fortemente interessata dall’impatto da infrastrutture energetiche (la centrale di Montalto di Casto, sempre di ENEL, e la centrale di Torrevaldaliga Sud, di Tirreno Power).

La centrale ha cominciato a pesare sull’ambiente circostante ben prima che la riconversione fosse terminata; le opere portuali realizzate per consentire l’attracco delle navi carboniere hanno comportato la distruzione di una delle più importanti praterie di posidonia (Posidonia oceanica) del Mediterraneo, a dimostrazione di come certe infrastrutture siano devastanti per molti ecosistemi fragili e pregiati.

Nel solo 2015 l’impianto ha emesso circa 10,74 milioni di tonnellate di CO2, valore che lo colloca al secondo posto in Italia, superato solo da Brindisi Sud.

 

Post Simili

Centrale Fiume Santo (SS)

L’impianto era originariamente costituito da due gruppi da 160 MW costruiti negli anni ’80, alimentati a olio combustibile, e due da 320 MW realizzati nella […]

Centrale di Brindisi Nord

Si tratta di un vecchio impianto costituito da 4 unità a carbone da 320 MW, costruite tra il 1965 e il 1975. Negli ultimi anni […]

Lascia un Commento