WWF Italia

Centrale di Monfalcone (GO)

© A2A 

La centrale è composta da due vecchissimi gruppi a carbone degli anni ’60 e da due gruppi a olio combustibile degli anni ’80. Solo nel 2008 sono stati installati i desolforatori ai gruppi carbone, e i denitrificatori sono entrati in servizio solo all’inizio del 2016.

I gruppi a olio combustibile sono stati messi fuori servizio, ma in passato si era parlato anche di riconvertirli a carbone: un progetto che però aveva trovato forte opposizione da parte della popolazione.

Anche per quanto riguardo i gruppi a carbone, A2A aveva valutato la possibile riconversione a carbone di ultima generazione, ma il progetto è stato definitivamente abbandonato, anche perché la nuova pianificazione energetica regionale del Friuli Venezia Giulia non prevede più l’utilizzo del carbone. A2A si è detta disponibile in futuro a ragionare sulle biomasse solide e probabilmente anche sul CSS (Combustibile Solido Secondario ottenuto dai rifiuti) visto l’interesse dell’azienda per questo combustibile. Si prevede un utilizzo del carbone fino al 2025.

 

Post Simili

Centrale di Civitavecchia (RM)

L’attuale impianto è figlio di una riconversione di una centrale a olio combustibile completata nel 2010, e sorge in un’area già fortemente interessata dall’impatto da […]

Centrale Federico II (BR)

La centrale Federico II è la centrale a carbone più grande d’Italia e quella che storicamente emette più sostanze inquinanti e più anidride carbonica:13,11 milioni […]

Lascia un Commento