WWF Italia

Centrale di Vado Ligure (SV)

© Giovanni Mirgovi 

La centrale si colloca in pieno centro abitato. Nonostante la forte opposizione delle comunità locali, ben consce dei pericoli ambientali e sanitari, in passato era stato autorizzato l’ampliamento della centrale con un ulteriore gruppo da 460 MW, progetto recentemente accantonato dalla stessa azienda. La cosa forse più grave, però, è stata la concessione, nel 2012, dell’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) da parte del Ministero dell’Ambiente, che ha consentito ai due gruppi a carbone già esistenti di continuare a funzionare malgrado le non poche evidenze della gravità della situazione sanitaria.

Di fatto è dovuta intervenire la magistratura, che a marzo del 2014 ha disposto il sequestro dei gruppi a carbone con l’accusa di disastro ambientale e sanitario. A giugno 2015 la magistratura savonese ha chiuso le indagini, con accuse gravissime a carico di 86 indagati: i reati contestati sono disastro ambientale doloso, disastro colposo aggravato, abuso d’ufficio e omicidio colposo. A luglio 2016 i nuovi magistrati che hanno ereditato l’indagine hanno fatto richiesta di archiviazione per politici, amministratori e funzionari (peraltro avvalendosi di argomentazioni assai discutibili), lasciando i capi di accusa solo a carico dei vertici aziendali. Le associazioni ambientaliste hanno presentato formale atto di opposizione a tale decisione.

A giugno 2016 il consiglio di amministrazione di Tirreno Power ha annunciato la chiusura della centrale.

 

Aggiornamenti:

 

Giugno 2016: Tirreno Power annuncia chiusura definitiva centrale a carbone Vado Ligure: una vittoria per la salute e per il clima

Giugno 2015: Il caso Vado Ligure approda in Francia

Novembre 2014: Autorizzazioni troppo blande: la diffida delle associazioni ambientaliste

Luglio 2014: Chiudere le centrali a carbone per promuovere salute e ambiente

Luglio 2014: Conferenza Nazionale: “L’impatto sanitario del carbone”

Novembre 2013: 10 indagati per disastro ambientale

Settembre 2013: a Vado Ligure 1000 morti per tumore in più rispetto alla media

Giugno 2013: depositato il ricorso delle associazioni ambientaliste

Aprile 2013: perizia choc a Vado Ligure: carbone e cancro vanno a braccetto

Febbraio 2013: Tirreno Power sotto inchiesta per danni all’ambiente e alla salute dei cittadini

Settembre 2012: il Ministero dell’Ambiente rilascia l’Autorizzazione Integrata Ambientale provvisoria alla centrale di Vado Ligure

 

 

Per saperne di più:

 

Post Simili

Centrale di Saline Joniche (RC)

Si tratta del più grande progetto  di centrale a carbone da costruire ex novo in Italia (1320 MW). L’impianto sarebbe dovuto sorgere in un’area industriale […]

Alessandro Lamarmora (BS)

La centrale è costituita da tre gruppi, di cui uno da 70 MW può essere alimentato a carbone.

Lascia un Commento