WWF Italia

Centrale di Fiume Santo (Sardegna): Ennesimo caso di inquinamento causato dai combustibili fossili

E ON 
E ON

Centrale di Fiume Santo

Il 15 aprile la Procura di Sassari ha emesso provvedimenti contro i vertici della centrale termoelettrica Fiume Santo, in provincia di Sassari, per grave inquinamento ambientale. La Guardia di Finanza è intervenuta arrestando il direttore e il vice direttore dell’impianto per inosservanza della normativa ambientale vigente.


“Là sotto c’è un inferno”, così avrebbe detto uno degli indagati al telefono, parlando della situazione ambientale nei pressi della centrale di Fiume Santo, a dimostrazione della piena consapevolezza circa il grave stato di inquinamento in atto.


Gli accertamenti espletati avrebbero messo in luce che i vertici della centrale hanno omesso di segnalare alle Autorità competenti sui continui sversamenti di olio combustibile nel suolo della centrale, provocando la contaminazione dei terreni e delle falde acquifere del sito e, dunque, un danno ambientale in aree di interesse pubblico. L’ennesimo esempio dei gravi danni all’ambiente e alla salute dei cittadini prodotti dall’uso dei combustibili fossili.

 

Post Simili

L’inquinamento del carbone nei Balcani causa malattie croniche in Europa e non solo

Pubblicato il nuovo rapporto  di Europe Beyond Coal: la strada da percorre prevede l’uscita dal carbone e il passaggio alle energie rinnovabili.   Nei pesi […]

UE: Rinnovabili al 32% entro il 2030, ma per il WWF non basta

Entro il 2030 le energie rinnovabili dovranno coprire il 32% dei consumi energetici a livello di Unione Europea. Questo è uno dei risultati dell’accordo raggiunto […]

Lascia un Commento