WWF Italia

Chiudere le centrali a carbone per promuovere salute e ambiente: la richiesta di medici e ambientalisti a Savona

 

E’ il carbone tra tutti i combustibili fossili quello che minaccia di più la nostra salute oltre ad essere la principale minaccia per il clima del pianeta.

A Savona medici e ambientalisti dichiarano a gran voce “NO al carbone, SI al futuro”, durante il Convegno del 15 Luglio dal titolo “L’impatto sanitario del carbone – la funzione sociale del medico: promotore di salute e di ambiente”, realizzato presso la splendida Fortezza Priamar e organizzato da WWF Italia, Ordine dei Medici della Provincia di Savona e Associazione Medici per l’Ambiente ISDE Italia con il patrocinio del Comune di Savona.

Se si chiudessero tutte le centrali elettriche alimentate a carbone in Europa si eviterebbero oltre 18.200 morti ogni anno, si risparmierebbero 2.100.000 giorni di cure farmacologiche  e  fino a 42,8 miliardi di euro l’anno in costi sanitari, secondo quanto riferito  dall’associazione europea Heal – Healt and Enviroment Alliance intervenuta al convegno. Mentre, nella sola località di Vado Ligure (SV), si potrebbero evitare ogni anno ben 48 morti e oltre 300 persone ricoverate.

 

Scarica qui i documenti della conferenza:

Dossier “L’impatto sanitario del carbone” 

Allegato – La funzione sociale del medico: promotore di salute e di ambiente

Comunicato stampa WWF Italia

 

Post Simili

Anche il WWF aderisce alla giornata mondiale contro il carbone

Il WWF aderisce alla mobilitazione per porre fine all’era del carbone, indetta in tutto il mondo per oggi, lanciando l’allarme per l’aumento dell’uso del carbone […]

Saline Joniche: Regione impugna decreto su costruzione centrale a carbone

Il Presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta regionale – ha dato mandato agli avvocati Paolo Arillotta e […]

Lascia un Commento