WWF Italia

COP22, l’elezione di Trump e l’emergenza clima

WWF Stop Carbone 

I risultati delle elezioni USA sono piovuti sulla COP 22 di Marrakech e, in perfetto stile diplomatico, i lavori ufficiali sono continuati come se nulla fosse. Del resto, ci mancherebbe che un consesso in cui siedono tutti i paesi del mondo si fermasse per un cambio di governo o presidente. Certo, intorno alle sedi negoziali, i commenti non sono mancati. Alcune dichiarazioni del neo-presidente Donald Trump sul clima e a favore dell’uso del carbone avevano suscitato scalpore. Ma, al di là dei giudizi o delle opinioni di ciascuno, nella società civile rimane la certezza che sarà difficile per qualsiasi Paese rimanere fuori dalla nuova economia fondata sulle energie rinnovabili e sull’uso sostenibile delle risorse, pena l’irrilevanza e la perdita di opportunità e di lavoro: e se questo è vero per Paesi di media grandezza, come l’Italia, figuriamoci per la maggiore economia del mondo. C’è anche la consapevolezza che la minaccia climatica non possa essere ignorata o negata nella realtà dell’amministrazione concreta.

Il WWF si affida alle parole del Direttore e Presidente del WWF USA, Carter Roberts, che dichiara: “Cambiano i Presidenti, ma ciò che rimane sono le minacce dovute al cambiamento climatico, sempre più pericoloso, e all’uso insostenibile delle risorse. Esortiamo il neo-Presidente Donald Trump ad accelerare la transizione verso le energie rinnovabili e ad onorare gli impegni presi per risolvere la crisi del clima e preservare gli oceani, le foreste e le specie nel mondo. Gli investimenti su larga scala per la conservazione e l’energia rinnovabile, i passi in avanti fatti nel campo della sostenibilità sono uno stimolo formidabile per l’innovazione, per la creazione di migliaia di posti di lavoro ben remunerati e la riduzione delle emissioni che alimentano i cambiamenti climatici. Il presidente eletto Trump si è impegnato a rendere l’America più sicura. E dunque un’azione ambiziosa per il clima è tanto più necessaria per mantenere tale promessa, dato che il livello dei mari è in aumento e gli eventi estremi legati al cambiamento climatico, come gli uragani, colpiscono duramente e con sempre più frequenza le nostre città. Sappiamo che la sicurezza globale e la sopravvivenza delle popolazioni mondiali dipendono dal mantenimento delle risorse naturali, tra cui il nostro clima. Da parte nostra, continueremo a coinvolgere tutti i paesi del mondo, così come le famiglie americane, le città, gli Stati, le imprese e il governo federale per costruire alleanze e lottare per il cambiamento significativo di cui abbiamo bisogno e per il pianeta, la nostra casa”.

L’augurio è che i toni forti della campagna elettorale lascino il posto a ragionamenti concreti per rispondere alle domande di lavoro e sicurezza nell’unico modo vero, affrontando le cause. E’ chiaro come il sole che alcuni Paesi stanno già puntando in modo deciso verso la nuova economia e non si fermeranno: gli USA possono continuare a essere motore e guida, oppure possono rimanere indietro, tradendo i cittadini e le condizioni per la vita di tutti su questo Pianeta.

Certo, sarà davvero importante nel prossimo futuro che si affronti la questione della giusta transizione, vale a dire, si affrontino i problemi delle persone in carne e ossa che oggi lavorano nei settori inquinanti. Nella consapevolezza che questo sarà l’unico modo per assicurare loro un futuro ed evitare che siano usati come ostaggi dagli inquinatori, per poi essere comunque abbandonati.

Per seguire gli aggiornamenti dalla Conferenza UNFCCC sul clima di Marrakech segui il diario curato da Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF, su “La Stampa – Tuttogreen”. 

 

Post Simili

COP22: al via Marrakech. Sarà Express?

Almeno due citazioni vengono spontanee, parlando di e da Marrakech, e chi scrive non ha resistito: una è il film di Salvatores, che narra di […]

Gli attivisti del WWF in marcia per la terra verso San Pietro: “Save the Humans!”

Partecipando con decine di attivisti alla Marcia “Una Terra, una Famiglia umana” che si svolge oggi a Roma e organizzata da Focsiv, il WWF vuole […]

Lascia un Commento