WWF Italia

COP22, WWF: “L’azione sul clima continua, ma ora serve più ambizione”

WWF Stop Carbone 

A Marrakech si respira un’aria di moderata soddisfazione, il lavoro che doveva essere fatto per far partire nel concreto l’Accordo di Parigi è stato fatto, ma soprattutto è stato dato un forte segnale politico che, nonostante tutte le decisioni e i problemi che affliggono il mondo oggi, tutti i Paesi sono uniti nel voler andare avanti sulla strada di un cambiamento che è ‘irreversibile’ – ha dichiarato Mariagrazia Midulla, responsabile clima & energia del WWF Italia che sta seguendo le fasi conclusive della COP22 sul clima, la cui assemblea conclusiva è programmata per le 20 di stasera. Questo segnale è stato dato in modo univoco con il ‘Proclama di Marrakech per il Nostro Clima e lo Sviluppo Sostenibile’.  Il segnale è venuto anche dai Paesi che hanno continuato a ratificare l’Accordo di Parigi – ad oggi 111 – un processo che forse mai era stato così veloce per un trattato internazionale e che ha permesso all’accordo di entrare in vigore in tempi record”.

La COP22 di Marrakech è stata un vero e proprio stress-test, dopo le elezioni americane e i tutti i timori su possibili tentativi di tirarsi indietro da parte del neo-presidente eletto. In realtà qui in molti ritengono che la strada sia segnata e la maggiore economia mondiale non possa ostacolare lo sviluppo economico del futuro, pena il diventare irrilevante. Ora occorre fare in modo che la tecnologia possa diffondersi: la Tesla, ad esempio,  ha messo a disposizione i propri brevetti per accelerare il passaggio alle auto elettriche integrate con le energie rinnovabili, le batterie a basso costo e l’auto elettrica. La posta in gioco è altissima : in cima alla piramide ci siamo noi, la nostra sopravvivenza, il nostro benessere, nonché il futuro delle future generazioni della specie umana e di tutte le specie viventi.

E’ notizia di oggi che nell’Artico si sono registrate temperature incredibili, 20 gradi centigradi sopra la media del periodo. Ormai  non si tratta più  di ‘bollire’ a fuoco lento ma di  reagire a un pericolo già presente e fortemente in atto”.

 

Post Simili

Nuove proposte e rallentamenti alla costruzione di nuovi impianti a carbone: la prima metà del 2016 mostra segnali contrastanti

La prima metà del 2016 ha fatto registrare un calo significativo della capacità di produzione di energia da carbone in fase di sviluppo: una riduzione […]

G7: Più del previsto, troppo poco per il pianeta

Il G7 fa alcuni progressi in materia di clima ed energia, ma non soddisfa. In un anno critico per il cambiamento climatico la riunione del […]

Lascia un Commento