WWF Italia

“Hera esca dal carbone di Saline Joniche”, il 5 aprile a Bologna incontro pubblico per dire no al carbone

 

In Emilia Romagna, associazioni e comitati lanciano l’appello al Gruppo Hera chiedendo l’uscita dell’azienda partecipata dal progetto della centrale a carbone di Saline Joniche in Calabria.

Gli ambientalisti firmatari della lettera – Comitati Acqua bene comune dell’Emilia-Romagna e dalle articolazioni regionali di Legambiente, Wwf, Greenpeace, Re: Common e comitato “Sì alle energie rinnovabili, no al nucleare” – chiedono ai sindaci dei comuni azionisti di non sostenere un’azienda che investe nel carbone, soprattutto a seguito della risoluzione del Consiglio Regionale contro la riconversione della centrale Enel di Porto Tolle, situata sul delta del Po.

Il gruppo Hera partecipa con il 20% del capitale al consorzio SEI, il progetto di costruzione di una centrale a carbone a Saline Joniche in provincia di Reggio Calabria, di cui è parte anche a Repower con una quota del 57,5% e che dopo il referendum dello scorso 22 settembre dovrà presumibilmente cedere le sue azioni.

Il carbone è il combustibile con le più alte emissioni di CO2 che rappresenta la minaccia più forte alla lotta ai cambiamenti climatici e, in più, è anche il combustibile con maggiori emissioni di sostanze inquinanti che hanno gravissimi impatti sulla salute delle persone. Per tali motivi le associazioni e i comitati promotori danno appuntamento alla cittadinanza e alle Istituzioni a Bologna il 5 aprile, a partire dalle 9:30 presso la Sala dello Zodiaco in via Zamboni 13, per un incontro pubblico.

Consulta la lettera inviata ai Sindaci Azionisti del Gruppo Hera

 

Post Simili

2016, record delle temperature. La natura ci ricorda l’urgenza di un’azione globale

Oggi il Goddard Institute for Space Studies (GISS) della NASA, in accordo con l’altro grande centro di ricerca climatologica che raccoglie e registra le temperature […]

Ecco perché l’Italia può chiudere con il carbone

L’obiettivo dei G7 stabilito a giugno 2015 è decarbonizzare completamente l’economia mondiale entro al fine del secolo. In questa prospettiva, non c’è posto per la […]

Lascia un Commento