WWF Italia

“Hera esca dal carbone di Saline Joniche”, il 5 aprile a Bologna incontro pubblico per dire no al carbone

 

In Emilia Romagna, associazioni e comitati lanciano l’appello al Gruppo Hera chiedendo l’uscita dell’azienda partecipata dal progetto della centrale a carbone di Saline Joniche in Calabria.

Gli ambientalisti firmatari della lettera – Comitati Acqua bene comune dell’Emilia-Romagna e dalle articolazioni regionali di Legambiente, Wwf, Greenpeace, Re: Common e comitato “Sì alle energie rinnovabili, no al nucleare” – chiedono ai sindaci dei comuni azionisti di non sostenere un’azienda che investe nel carbone, soprattutto a seguito della risoluzione del Consiglio Regionale contro la riconversione della centrale Enel di Porto Tolle, situata sul delta del Po.

Il gruppo Hera partecipa con il 20% del capitale al consorzio SEI, il progetto di costruzione di una centrale a carbone a Saline Joniche in provincia di Reggio Calabria, di cui è parte anche a Repower con una quota del 57,5% e che dopo il referendum dello scorso 22 settembre dovrà presumibilmente cedere le sue azioni.

Il carbone è il combustibile con le più alte emissioni di CO2 che rappresenta la minaccia più forte alla lotta ai cambiamenti climatici e, in più, è anche il combustibile con maggiori emissioni di sostanze inquinanti che hanno gravissimi impatti sulla salute delle persone. Per tali motivi le associazioni e i comitati promotori danno appuntamento alla cittadinanza e alle Istituzioni a Bologna il 5 aprile, a partire dalle 9:30 presso la Sala dello Zodiaco in via Zamboni 13, per un incontro pubblico.

Consulta la lettera inviata ai Sindaci Azionisti del Gruppo Hera

 

Post Simili

Sondaggio WWF: la popolazione in Calabria rifiuta chiaramente la centrale a carbone della SEI – Repower

Il sondaggio, stilato dall’istituto di ricerca ISPO su incarico del WWF Svizzera, mostra chiaramente come la maggioranza della popolazione della provincia di Reggio Calabria sia […]

Sequestro centrale di Vado Ligure: gli impianti non rispettano le autorizzazioni ambientali

L’11 marzo la Procura di Savona ha chiesto il sequestro della centrale a carbone di Vado Ligure proprietà di Tirreno Power. Il provvedimento scaturisce a […]

Lascia un Commento