WWF Italia

Il 22 settembre 2013 si vota nei Grigioni: Si all’energia pulita senza carbone!

 

 

Il 22 settembre 2013 nel cantone dei Grigioni si terrà un importante referendum che permetterà alla popolazione del cantone di esprimersi riguardo la costruzione della centrale a carbone di Saline Joniche, in Calabria. Infatti il consorzio che vuole costruire la centrale è capeggiato da Repower, società partecipata dal cantone e, quindi, dalla popolazione grigionese.

Secondo i promotori del referendum le aziende pubbliche grigionesi non devono investire nel carbone per i seguenti motivi:

  • I Grigioni devono puntare sull’efficienza energetica e sulle rinnovabili per sviluppare la propria economia in maniera durevole, non sul carbone;
  • Anche dal punto di visto economico questo investimento non è visto come sensato, visto che ormai autorevolissime fonti (es. la Banca Mondiale) sconsigliano di investire nelle centrali a carbone a causa della scarsa resa economica di questa fonte di energia;
  • Una centrale a carbone è l’ultima cosa di cui il clima ha bisogno. La centrale di Saline, se costruita, emetterebbe 6 volte la CO2 emessa dall’intera comunità grigionese in un anno.

Il WWF Italia sostiene questo referendum e si augura che la comunità grigionese sia più lungimirante di Repower e ostacoli la costruzione di questa centrale col suo voto.

02.09.2013

 

Post Simili

Centrale di Fiume Santo (Sardegna): Ennesimo caso di inquinamento causato dai combustibili fossili

Il 15 aprile la Procura di Sassari ha emesso provvedimenti contro i vertici della centrale termoelettrica Fiume Santo, in provincia di Sassari, per grave inquinamento […]

Sequestro centrale di Vado Ligure: gli impianti non rispettano le autorizzazioni ambientali

L’11 marzo la Procura di Savona ha chiesto il sequestro della centrale a carbone di Vado Ligure proprietà di Tirreno Power. Il provvedimento scaturisce a […]

Lascia un Commento