WWF Italia

Il caso Vado Ligure approda in Francia

 

Alla vigilia del G7, in cui il tema clima sarà all’ordine del giorno, il 3 giugno si è svolto un importante seminario “Clima e carbone: il ruolo dello Stato azionista” presso il Parlamento Francese, evento patrocinato da Jean-Paul Chanteguet Presidente della Commissione Sviluppo Sostenibile e della pianificazione territoriale della Assemblea Nazionale. Nel seminario si è dibattuto sul ruolo dello Stato azionista di società energetiche, come ad esempio “Engie” (ex GDF Suez) proprietaria in Italia di metà delle azioni di Tirreno Power. La Francia è dunque il principale socio della società che possiede l’impianto a carbone di Vado Ligure, entrato nell’occhio del ciclone quando, nel marzo 2014, la procura di Savona ha disposto la chiusura dei 2 gruppi a carbone dell’impianto, mettendo sotto inchiesta i manager della società per disastro ambientale e omicidio colposo plurimo di più di quattrocento persone decedute per patologie connesse all’inquinamento nell’area di Vado tra il 2000 e il 2007.

 

Ricordiamo che alla fine del 2014 Francois Hollande aveva annunciato l’intenzione del Governo di metter fine al finanziamento pubblico per gli impianti a carbone nel mondo. L’Eliseo – che si trova a giocare un ruolo di rilievo in vista dei negoziati sul clima del vertice di Parigi del prossimo dicembre – ha la possibilità di far chiudere la centrale a carbone di Vado Ligure.

 

Nel corso del seminario è intervenuto l’avv. Matteo Ceruti (legale delle associazioni savonesi e nazionali a difesa e tutela dell’ambiente e della salute) relativamente al caso della centrale vadese e sul sequestro dei gruppi a carbone. Nel corso della dettagliata esposizione di Ceruti, le personalità presenti si sono mostrate estremamente interessate all’iter giuridico e scientifico di questo caso italiano, soprattutto riguardo alla possibile applicabilità nel contesto francese del procedimento adottato a Vado Ligure.


Scarica qui la relazione dell’Avv. Ceruti dal titolo “Il Caso della Centrale di Vado Ligure”

 

Post Simili

Finisce l’era del carbone e dei grandi impianti industriali nelle città

Per oltre 150 anni, nelle città, abbiamo seguito un modello basato sullo sviluppo industriale senza affrontare alcune dicotomie fondamentali: ambiente e lavoro, ricadute sociali e […]

Disinvestimenti dai fossili: La più grande compagnia assicurativa scarica il carbone per l’eolico

La più grande compagnia assicurativa del mondo, Allianz, segue le orme di un antro gigante di investimenti, il Fondo Sovrano Norvegese, annunciando al Mondo il […]

Lascia un Commento