WWF Italia

Il WWF parte civile nel processo sulla centrale a carbone ENEL “Federico II” di Cerano (BR)

 

Il WWF oggi è in aula con il proprio avvocato, Antonio Caiulo, presso il Tribunale di Brindisi per costituirsi parte civile nel processo sulla centrale a carbone ENEL “Federico II” di Cerano, in provincia di Brindisi, che vede imputati diversi dirigenti dell’ENEL per l’inquinamento provocato dalla dispersione  di polveri di carbone nei terreni intorno al nastro trasportatore e al carbonile scoperto, di circa 125mila mq, dell’impianto pugliese.

Il tutto omettendo di adottare e proporre soluzioni per scongiurare la ripetuta diffusione di polveri di carbone oltre il recinto aziendale, come ad esempio la copertura del parco carbone, la stabile chiusura del nastro trasportatore ed altri accorgimenti che potevano ridurre le dispersioni delle sostanze inquinanti. Con tale comportamento le polveri hanno invaso le aree agricole e residenziali circostanti, provocando non solo un danno all’ambiente  ma anche alle attività agricole e all’economia locale, oltre che a determinare un rischio per la salute dei residenti.

Il WWF auspica che con l’avvio del processo di domani si rafforzi ulteriormente –  nelle istituzioni, nelle Autorità competenti e nell’opinione pubblica in generale – la consapevolezza delle gravi conseguenze per l’ambiente, la salute e l’economia di politiche industriali ed energetiche ormai obsolete, inutili e dannose come quella del carbone. Soprattutto a partire dalla Puglia che, su diversi fronti (non ultimo l’Ilva di Taranto) si trova a combattere contro l’emergenza ambientale.

12.12.2012 – Ufficio stampa WWF

 

Post Simili

Accordo di Parigi: a che punto è l’Italia?

Il Consiglio dei Ministri dell’Ambiente dell’Unione Europea ha approvato la ratifica rapida da parte della UE dell’Accordo di Parigi sul Clima. Dal momento che per entrare […]

COP21, WWF – Il Mondo può fare a meno del carbone, una delle principali minacce per il clima del pianeta: investimenti e futuro nelle rinnovabili

Secondo l’UNEP l’inquinamento atmosferico causato dai combustibili fossili nel 2010 è costato all’OCSE 1.700 miliardi di dollari e alla Cina 1.400. Il mondo puó fare […]

Lascia un Commento