WWF Italia

Porto Tolle: La fine del carbone. Ora il via a un futuro rinnovabile

Luca Rigato 

Luca Rigato

Il giorno dopo il summit sul Clima di New York, le associazioni ambientaliste WWF e Legambiente accolgono con soddisfazione la rinuncia di Enel al progetto di riconversione a carbone della centrale di Porto Tolle, sul delta del Po.

 

Un investimento di 2,5 miliardi di euro non verrà più realizzato. Un costo che Enel non si sente di affrontare in un momento in cui il mercato energetico non premia la produzione di energia elettrica dalla combustione del più inquinante tra i combustibili fossili: il carbone.

 

Gli stessi impianti a carbone accusano il colpo della overcapacity italiana, ovvero una potenza impiantistica enormemente superiore alle necessità energetiche del Paese. A ciò si somma il confermato calo dei consumi energetici che di fatto disincentiva la realizzazione di nuovi impianti o la riconversione dei vecchi.

 

Ora le associazioni ambientaliste, chiedono che l’investimento destinato al carbone sia reindirizzato verso le fonti energetiche del futuro. In tal senso, progetti di rinnovabili e di efficienza energetica nell’area dell’ex centrale sarebbero perfettamente in grado di riassorbire i lavoratori della ex centrale a olio combustibile e di assicurare nuova occupazione.


Scarica qui il comunicato stampa

 

Post Simili

Grandi opportunità green in Liguria, dalle energie rinnovabili alla protezione del territorio: è ora di dire basta al carbone

Il 22 aprile a Genova, il WWF Italia e molte altre associazioni ambientaliste e imprenditoriali, tra cui Legambiente, Greenpeace e CNA, hanno parlato di “Proposte […]

WWF Stop Carbone

Enel, il carbone colombiano e le violazioni dei diritti umani

In occasione dell’ultima assemblea degli azionisti di Enel, la Fondazione Culturale di Banca Etica –che nel 2007 ha acquistato alcune azioni di Enel ed Eni […]

Lascia un Commento