WWF Italia

Reati ambientali a rischio “non punibilità'” WWF scrive al Governo e propone un emendamento

Thank's to Morgue file 

Il Governo ha proposto l’introduzione nel Codice Penale di un nuovo articolo, il 131 bis:

Esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto”. Con questo i giudici potranno decidere di non applicare la pena per tutti i reati puniti con sanzione pecuniaria o con la reclusione sino a cinque anni. Tra questi reati ci sono la gran parte di quelli cosiddetti “ambientali” . E’ prevista la possibilità di opposizione da parte della persona offesa dal reato che, per la natura stessa dei beni

tutelati dai reati ambientali , è sempre difficile, se non impossibile, individuare. Per rimediare immediatamente al rischio legato a questa nuova norma il WWF Italia si è appellato al Governo, rivolgendosi all’Ufficio Legislativo del Ministero della Giustizia (capofila del provvedimento) , oltre che agli Uffici Legislativi dei Ministeri dell’Ambiente e dei beni Culturali.

“Per comprendere la delicatezza ed i rischi del provvedimento” ha dichiarato la Presidente del

WWF Italia Donatella Bianchi “basta riflettere sul fatto che quasi tutti i reati che tutelano l’ambiente e gli animali prevedono pene detentive non superiori a cinque anni o la sola pena pecuniaria. E non meno grave è il fatto che questa “non punibilità” A questi si aggiungano poi si applicherebbe anche a molti reati posti a tutela del patrimonio culturale e delle aree protette, nonché quelli in materia edilizia; e, ancora, i reati in materia di caccia e sul maltrattamento degli animali o a tutela di valori e beni contenuti in convenzioni internazionali come quella di Washington. Ed ancora la possibilità di esenzione della pena prevista nella nuova norma coinvolgerà anche i reati di “disastro innominato e di getto pericoloso di cose”, utilizzati fino ad oggi in assenza di una specifica normativa penale a tutela dell’ambiente. I pericoli che deriverebbero da questa nuova norma del codice penale per i beni ambientali, sono certi: il WWF spera che ci sia uno sforzo di tutti i Ministri interessati e si ponga rimedio”.

Per questo il WWF Italia chiede al Legislatore di escludere esplicitamente dalla formulazione del decreto legislativo le disposizioni a tutela dell’ambiente e degli animali e in tal senso ha avanzato la proposta di un apposito emendamento con la speranza che venga accolto. “Se così non fosse” conclude la Presidente Bianchi “dovremmo rilevare una sorta di schizofrenia nell’azione di Governo che da un lato lavora per meglio definire e rafforzare i reati ambientali e garantire una corretta azione di prevenzione e repressione in un settore contraddistinto da una molteplicità di comportamenti illegali, mentre da un altro vara norme che rendono possibile l’elusione della pene previste”.

 
pin

Post Simili

Italia secondo paese europeo a soffrire dell’inquinamento da carbone di altri paesi (oltre che del proprio)

Pubblicato il primo report sugli effetti delle centrali a carbone sulla salute dei cittadini europei. Il WWF chiede un’indagine sulla salute degli italiani.  L’inquinamento da […]

WWF Stop Carbone

Enel, il carbone colombiano e le violazioni dei diritti umani

In occasione dell’ultima assemblea degli azionisti di Enel, la Fondazione Culturale di Banca Etica –che nel 2007 ha acquistato alcune azioni di Enel ed Eni […]

Lascia un Commento