WWF Italia

Solidarietà agli ambientalisti polacchi contro il carbone

WWF Stop Carbone 

Notizie allarmanti arrivano dalla Polonia. Dopo che il Ministro dell’Economia polacco Nikolaj Budzanowski ha definito i gruppi ambientalisti che si oppongono al carbone “persone che lavorano contro l’interesse nazionale e che hanno oltrepassato il limite”, 20 organizzazioni non governative polacche hanno scritto al primo ministro Donald Tusk esprimendo tutta la loro preoccupazione rispetto a quelli che sono “attacchi senza precedenti nei confronti della società civile”.

Secondo Martin Stoczkiewicz dell’associazione ClienEarth “le istituzioni polacche mirano a creare un clima di paura. Anche noi lavoriamo per l’interesse della Polonia difendendo la salute pubblica, l’ambiente e proponendo stringenti normative ambientali. Anzi, direi che siamo noi a difendere davvero gli interessi della Polonia invece che altri interessi non meglio precisati, ma facilmente immaginabili”.

Un altro membro di una ONG polacca che preferisce rimanere anonimo rivela che addirittura i servizi segreti polacchi starebbero spiando le mosse delle organizzazioni contro il carbone, in particolare le loro relazioni internazionali.

La Polonia è il primo paese produttore di carbone dell’Unione Europea e dipende dal carbone per il 90% della propria produzione di energia elettrica. In sede europea ha bloccato per ben 3 volte la redazione della roadmap europea verso un’economia a basse emissioni di carbonio.

31.10.2012 – Riccardo Nigro

fonte: guardian.co.uk, l’articolo completo in inglese è leggibile cliccando qui.

 

Post Simili

Gli azionisti di A2A sono d’accordo con gli investimenti in carbone in Montenegro?

Domani, 11 giugno, si riunisce l’Assemblea dei soci A2A, quella che un tempo era ex municipalizzata e che oggi è una Società per azioni, di […]

Australia: La miniera di carbone arde da un mese

Dal 9 febbraio un incendio continua a bruciare la grande miniera di carbone a cielo aperto presso la centrale termoelettrica di Morwell, nel sud dell’Australia. […]

Lascia un Commento