WWF Italia

UE: Rinnovabili al 32% entro il 2030, ma per il WWF non basta

 

Entro il 2030 le energie rinnovabili dovranno coprire il 32% dei consumi energetici a livello di Unione Europea.

Questo è uno dei risultati dell’accordo raggiunto nella notte tra le istituzioni europee sulla nuova direttiva rinnovabili, che aggiorna il quadro normativo dell’Unione all’anno 2030.

L’accordo, i cui dettagli non sono ancora noti, prevedrebbe anche un alleggerimento dei costi per i cittadini e i gruppi di cittadini che vogliono produrre energia da fonti rinnovabili per l’autoconsumo e lo stop all’utilizzo di olio di palma nei biocarburanti dal 2030.

 La soddisfazione per le misure in favore dell’autoproduzione di energie rinnovabili, però, non basta a compensare la delusione per gli obiettivi generali dell’Unione Europea, che vengono considerati troppo modesti dalle organizzazioni ambientali.

Il WWF definisce il target del 32% “incoerente con gli impegni presi nell’accordo per il clima di Parigi”, mentre le regole “su biocarburanti e biomasse finiranno per aumentare le emissioni climalteranti”. L’associazione Transport & Environment si rammarica del fatto che lo stop all’olio di palma nei biocarburanti arriverà solo nel 2030.

 

 

 

Post Simili

Anche la Banca Europea per gli Investimenti fugge dal carbone

Il WWF esprime un primo cauto apprezzamento per la decisione della Banca europea per gli investimenti (BEI) [1], il più grande istituto finanziario pubblico del […]

WWF: “Il Mondo e’ pronto a passare all’energia rinnovabile, ora occorrono azioni immediate per il clima”

A Parigi i governi hanno messo a punto un accordo globale sul clima che getta le basi per un impegno a lungo termine per combattere […]

Lascia un Commento