WWF Italia

UE: Rinnovabili al 32% entro il 2030, ma per il WWF non basta

 

Entro il 2030 le energie rinnovabili dovranno coprire il 32% dei consumi energetici a livello di Unione Europea.

Questo è uno dei risultati dell’accordo raggiunto nella notte tra le istituzioni europee sulla nuova direttiva rinnovabili, che aggiorna il quadro normativo dell’Unione all’anno 2030.

L’accordo, i cui dettagli non sono ancora noti, prevedrebbe anche un alleggerimento dei costi per i cittadini e i gruppi di cittadini che vogliono produrre energia da fonti rinnovabili per l’autoconsumo e lo stop all’utilizzo di olio di palma nei biocarburanti dal 2030.

 La soddisfazione per le misure in favore dell’autoproduzione di energie rinnovabili, però, non basta a compensare la delusione per gli obiettivi generali dell’Unione Europea, che vengono considerati troppo modesti dalle organizzazioni ambientali.

Il WWF definisce il target del 32% “incoerente con gli impegni presi nell’accordo per il clima di Parigi”, mentre le regole “su biocarburanti e biomasse finiranno per aumentare le emissioni climalteranti”. L’associazione Transport & Environment si rammarica del fatto che lo stop all’olio di palma nei biocarburanti arriverà solo nel 2030.

 

 

 

Post Simili

Parigi chiama La Spezia: salvare il clima, chiudere con il carbone, aprire a nuove opportunità

Conferenza Parigi chiama La Spezia: salvare il clima, chiudere con il carbone, aprire a nuove opportunità Ambiente, salute, economia, lavoro   Sabato, 19 Settembre 2015 […]

Anche la Regione Calabria si schiera contro la centrale di Saline Joniche

Diffondiamo il comunicato stampa pubblicato dalla Regione Calabria che annuncia la presentazione del ricorso contro la costruzione di una nuova centrale a carbone a Saline […]

Lascia un Commento