WWF Italia

UE: Rinnovabili al 32% entro il 2030, ma per il WWF non basta

 

Entro il 2030 le energie rinnovabili dovranno coprire il 32% dei consumi energetici a livello di Unione Europea.

Questo è uno dei risultati dell’accordo raggiunto nella notte tra le istituzioni europee sulla nuova direttiva rinnovabili, che aggiorna il quadro normativo dell’Unione all’anno 2030.

L’accordo, i cui dettagli non sono ancora noti, prevedrebbe anche un alleggerimento dei costi per i cittadini e i gruppi di cittadini che vogliono produrre energia da fonti rinnovabili per l’autoconsumo e lo stop all’utilizzo di olio di palma nei biocarburanti dal 2030.

 La soddisfazione per le misure in favore dell’autoproduzione di energie rinnovabili, però, non basta a compensare la delusione per gli obiettivi generali dell’Unione Europea, che vengono considerati troppo modesti dalle organizzazioni ambientali.

Il WWF definisce il target del 32% “incoerente con gli impegni presi nell’accordo per il clima di Parigi”, mentre le regole “su biocarburanti e biomasse finiranno per aumentare le emissioni climalteranti”. L’associazione Transport & Environment si rammarica del fatto che lo stop all’olio di palma nei biocarburanti arriverà solo nel 2030.

 

 

 

Post Simili

Conferenza WWF – Enea: Liguria Zero Emission, proposte per un modello di sviluppo regionale eco-sostenibile

Liguria Zero Emission: proposte per un modello di sviluppo regionale eco-sostenibile Le opportunità per economia, occupazione e ambiente     Venerdì, 20 Novembre 2015 h […]

Ecco perché l’Italia può chiudere con il carbone

L’obiettivo dei G7 stabilito a giugno 2015 è decarbonizzare completamente l’economia mondiale entro al fine del secolo. In questa prospettiva, non c’è posto per la […]

Lascia un Commento