WWF Italia

WWF: “I Governi a Parigi prendano esempio dalla società civile. Un mondo decarbonizzato sarà un mondo di nuove opportunità.”

 

Il WWF ha marciato ieri in tutto il mondo insieme al popolo del clima chiedendo a gran voce un accordo vincolante sui gas serra ai Governi che partecipano al Summit di Parigi. Alla Marcia Globale per il Clima, che ha visto oltre 2000 eventi in 175 luoghi del pianeta, il WWF ha partecipato con lo slogan “SAVE THE CLIMATE, SAVE THE HUMANS”, perché combattere il riscaldamento climatico vuol dire soprattutto salvare l’intera umanità, visti gli scenari estremamente preoccupanti prospettati dalla comunità scientifica.

 

A Roma, insieme ai volontari dell’Associazione, c’è stata anche la Presidente del WWF Italia, Donatella Bianchi: “Ieri e oggi in tutto il mondo stanno facendo sentire la propria voce le persone che temono sì gli effetti del cambiamento climatico, ma non hanno paura del cambiamento, sanno che un mondo decarbonizzato sarà un mondo di nuove opportunità. Siamo fieri che Roma, insieme ad altre città grandi e piccole in tutta Italia, si connetta a tanti altri cittadini del mondo. Il cambiamento climatico è un rischio di fronte al quale l’umanità intera deve agire collaborando, insieme. Ci auguriamo che questo spirito nuovo nasca e cresca nella COP21, ma certo senza la volontà e la leadership di ciascuno di noi gli egoismi, gli interessi di parte e di corto respiro rischiano di avere di nuovo il sopravvento”.

 

Aggiunge Dante Caserta, Vice Presidente del WWF Italia presente alla Marcia – “Ai Governi riuniti a Parigi diciamo: prendete esempio da noi. Da noi cittadini e da noi organizzazioni della società civile che siamo qui, uniti da un obiettivo che va oltre le nostre differenze, che riguarda il pianeta, la natura, l’equità, l’intera umanità. Da Roma e da migliaia di città in tutto il mondo parte un’onda che chiede di vincere la sfida che conta, quella di non superare 1,5- 2°C di riscaldamento globale, perché sulle indicazioni scientifiche non si negozia. Per questo da Parigi ci aspettiamo una base solida e concreta in tal senso, con capacità di visione e di puntare alto”.

 

Post Simili

CAN Europe lancia la mappa degli impatti e delle mobilitazioni dei cittadini contro il più inquinante dei combustibili fossili

Nonostante la sua pretesa di essere un leader nella lotta contro il cambiamento climatico, l’Unione Europea ha ancora circa 280 centrali a carbone attive in […]

Prospettive globali: l’Australia esporta carbone con sempre più difficoltà

La società australiana Glencore Xstrata ha deciso di chiudere un importante terminal per l’esportazione del carbone (Balaclava Island)  che tratta circa 35 milioni di tonnellate […]

Lascia un Commento