WWF Italia

Autorizzazioni ambientali troppo blande: La diffida delle associazioni ambientaliste

 

I presidenti di WWF Italia, Greenpeace Italia e Legambiente hanno presentato una diffida ai ministeri dell’Ambiente, dello Sviluppo Economico e della Salute. Un documento che disincentiva il rilascio di provvedimenti autorizzativi per l’esercizio dei due gruppi a carbone della centrale di Vado Ligure.

 

In vista del vertice politico che si terrà mercoledì 12 novembre al Ministero dello Sviluppo Economico, gli ambientalisti esortano i decisori politici a non far superare alla centrale di Tirreno Power i limiti emissivi degli inquinanti imposti dalla legge, limiti che servono proprio a tutelare la salute dei cittadini.

 

Ricordiamo che nel marzo scorso, la centrale di Vado Ligure è stata posta sotto sequestro proprio a causa del mancato rispetto delle prescrizioni ambientali ministeriali, oltre che dall’allarmante situazione ambientale e sanitaria evidenziata dalle indagini svolte su incarico della Procura di Savona, i cui risultati non possono assolutamente essere ignorati.

Consulta il testo della diffida

 

Post Simili

Gli azionisti di A2A sono d’accordo con gli investimenti in carbone in Montenegro?

Domani, 11 giugno, si riunisce l’Assemblea dei soci A2A, quella che un tempo era ex municipalizzata e che oggi è una Società per azioni, di […]

Presentata un’interrogazione parlamentare sulla centrale Federico II di Brindisi

Nei giorni scorsi la Senatrice Daniela Donno (M5S) ha presentato un’interrogazione parlamentare riguardante la centrale a carbone Federico II (Brindisi). Di proprietà di Enel, la […]

Lascia un Commento