WWF Italia

Centrale di Civitavecchia (RM)

© Corrado Belfani 

L’attuale impianto è figlio di una riconversione di una centrale a olio combustibile completata nel 2010, e sorge in un’area già fortemente interessata dall’impatto da infrastrutture energetiche (la centrale di Montalto di Casto, sempre di ENEL, e la centrale di Torrevaldaliga Sud, di Tirreno Power).

La centrale ha cominciato a pesare sull’ambiente circostante ben prima che la riconversione fosse terminata; le opere portuali realizzate per consentire l’attracco delle navi carboniere hanno comportato la distruzione di una delle più importanti praterie di posidonia (Posidonia oceanica) del Mediterraneo, a dimostrazione di come certe infrastrutture siano devastanti per molti ecosistemi fragili e pregiati.

Nel solo 2015 l’impianto ha emesso circa 10,74 milioni di tonnellate di CO2, valore che lo colloca al secondo posto in Italia, superato solo da Brindisi Sud. Torrevaldaliga nel 2016 è divenuto il primo per emissioni a causa del ridotto funzionamento dell’impianto brindisino

 

Post Simili

Nessuna proroga per la centrale a carbone di La Spezia

Dal superamento del carbone entro il 2025 non si torna indietro e tutti coloro che tentano di speculare sulle variazioni di approvvigionamento di energia devono essere […]

Centrale Fiume Santo (SS)

L’impianto era originariamente costituito da due gruppi da 160 MW costruiti negli anni ’80, alimentati a olio combustibile, e due da 320 MW realizzati nella […]

Lascia un Commento