WWF Italia

Centrale Enel di Porto Tolle: nuovo stop alla conversione a carbone

 

Immagine estratta da www.morguefile.com

Il 15 gennaio 2014 il progetto di conversione della centrale Enel di Porto Tolle ha ricevuto una nuova bocciatura. Lo stop è arrivato dalla Commissione VIA del ministero per l’Ambiente, che – dopo il no del 2011 affermato dal Consiglio di Stato – blocca nuovamente la conversione a carbone della centrale.

WWF Italia, Green Peace e Legambiente accolgono con grande soddisfazione il provvedimento “interlocutorio-negativo” della Commissione ministeriale: le carenze e le contraddittorietà del progetto, rilevate dalla Commissione VIA, sono apparse tante e tali da richiedere che la procedura di autorizzazione per il progetto di Porto Tolle venga fatta ripartire dall’inizio. L’articolato parere dell’organismo tecnico del ministero, inoltre, richiama e fa proprie, in alcuni passaggi, le osservazioni mosse a più riprese dalle associazioni ambientaliste.

La società, che continua a ribadire l’importanza strategica del sito di Porto Tolle, dovrà ora valutare attentamente se insistere sulla strada del carbone o se trasformarsi in un’azienda moderna, sostenibile e compatibile con lo sviluppo del Paese.

 

Consulta il comunicato stampa delle associazioni ambientaliste

Esamina il parere della Commissione VIA-VAS del Ministero

 

Post Simili

Mariagrazia Midulla a Il Manifesto: «L’Italia potrebbe vivere senza bruciare carbone»

Riportiamo di seguito l’articolo apparso su Il Manifesto con l’intervista a Mariagrazia Midulla, Responsabile Clima ed Energia del WWF Italia.   Il Wwf a Renzi: […]

Finisce l’era del carbone e dei grandi impianti industriali nelle città

Per oltre 150 anni, nelle città, abbiamo seguito un modello basato sullo sviluppo industriale senza affrontare alcune dicotomie fondamentali: ambiente e lavoro, ricadute sociali e […]

Lascia un Commento